TUTORIAL: Precauzioni per dispositivi meccanici

meccanico. No, non è quella figura professionale alla quale affidate la vostra auto, la vostra moto o la vostra bicicletta. O meglio, anche quello è un meccanico ma qui stiamo parlando di qualcosa che prima o dopo ha sempre fatto breccia nel cuore e nella mente del vaper (e spesso anche nel portafogli), sia esso esperto o amatore.

Quindi partiamo da un breve assioma:

“nell’ambito del vaping, viene detto dispositivo meccanico qualsiasi device alimentato da batteria/e che non preveda alcun intervento di tipo elettronico atto a regolare, modulare, ridurre o aumentare l’erogazione dell’energia elettrica da parte della batteria inserita”.

Ok, questa è una definizione formulata da me al momento, però esprime esattamente cosa significa dispositivo meccanico. Per capirci meglio potrei anche dirvi che si tratta di un involucro metallico contenente una batteria che, mediante un tasto, chiude il circuito portando un polo della cella a contatto con il pin dell’atomizzatore.

Una volta assimilato questo, avete già elementi sufficienti per capire quale sia la risposta alla domanda “perchè i dispositivi meccanici sono pericolosi?“. Prima di proseguire, spiegandovi il motivo per cui sono più pericolosi dei dispositivi elettronici e prima di elencarvi una serie di accortezze da tenere nel caso in cui voleste cimentarvi nell’utilizzo di uno di questi dispositivi, voglio PRECISARE che ognuno è responsabile per se stesso: questa non è una guida per diventare immuni ai danni o un cheat per avere vite infinite. Qui vi elencherò quello che secondo me è bene controllare per non alzare il livello di pericolosità di un apparecchio come quelli appena descritti..

I dispositivi meccanici sono più pericolosi dei dispositivi elettronici perchè, come facilmente intuibile, nei primi non c’è nulla che ci aiuti ad eccezione delle nostre conoscenze e del nostro buon senso.

Seppur non siano esenti da problemi/pericoli, i dispositivi elettronici hanno un circuito che “legge” il flusso di corrente da cui viene attraversato. Ogni variazione di questo flusso, genera all’interno del circuito una reazione: nei casi in cui la variazione sia prevista, non succede nulla ma nel caso in cui questa variazione rientri in quelle considerate “alert” dal circuito, allora questa sorta di AI taglia l’erogazione alla sorgente, evitando spiacevoli sorprese.

 

questa non è una guida per diventare immuni ai danni o un cheat per avere vite infinite. Qui vi elencherò quello che secondo me può alzare il livello di pericolosità di un apparecchio come quelli appena spiegati.

 

 

Nel “meccanico” ci siete voi, la vostra coil e la vostra build; un errore fatto per imprudenza o semplicemente per ignoranza, può costarvi davvero molto. A cosa stare attenti dunque?

  1. Le batterie DEVONO essere sempre wrappate (ricoperte dalla pellicola) in maniera corretta ed impeccabile. Se vi accorgete di qualche sbucciatura anche minima della vostra batteria, NON utilizzatela. Comprate il wrap nuovo e sostituitelo.
  2. Imparate a conoscere la vostra batteria e a CONTROLLARLA. In meccanico le batterie hanno una scarica graduale ma che però non è regolamentata: arrivata alla tensione minima (solitamente attorno ai 3.3 VOLT) se continuate a spremerla rischiate di rovinarla per lo sforzo eccessivo. L’erogazione in termini di Ampere cala con il calare della carica residua; le prime volte aiutatevi misurando la carica residua dopo un paio d’ore di utilizzo.
  3. Studiate, studiate e studiate. Conoscere la legge di Ohm è FONDAMENTALE per l’utilizzo di questi apparecchi. Se scenderete troppo con il valore resistivo (ohm) della vostra coil, rischierete di chiedere alla vostra batteria più Ampere di quelli che possa erogare! Cosa succede? Surriscaldamento, sfiato, scotattura di 3 grado.
  4. Controllare SEMPRE il pin dell’atomizzatore e assicurarsi che sia SPORGENTE. In questo modo avrete la certezza che l’unica cosa che andrà a far contatto con il polo della cella sarà il vostro atomizzatore e non la scocca del dispositivo.
  5. Usate batterie originali e prodotte da quelle aziende per cui i test eseguiti siano risultati veritieri. Se un’azienda PINCO PALLA dichiara che la vostra batteria può erogare 35 Ampere, sarebbe meglio che fosse così anche nella pratica. Scoprire il contrario a vostre spese potrebbe non essere piacevole.
  6. Controllate che le vostre coil non tocchino la campana dell’atom una volta chiuso. Questo porterebbe a micro corti e a sollecitazioni errate della batteria.

 

Nel “meccanico” siete voi, la vostra coil e la vostra build; un errore fatto per imprudenza o semplicemente per ignoranza, può costarvi davvero molto.

 

queste erano in linea di massima le cose alle quali DOVETE stare attenti se decidete di approcciarvi a questo mondo, un mondo di nicchia e non al passo con le evoluzioni tecnologiche attuali.

Scegliere il meccanico significa fondamentalmente essere dei nostalgici e amanti del collezionismo oltre che dell’artigianato, con tutti i rischi che questo comporta.

Se cercate sicurezza, erogazione sempre omogenea e se siete maniaci del controllo, lasciate perdere questo angolo del vaping. Perchè sceglierlo è come mettersi da soli in un angolo con un buon libro e un calice di vino invecchiato: a non tutti piace il vino e non tutti hanno la pazienza di fermarsi a leggere un libro.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here