VAPE-SPEAKING

Se state leggendo anche questo mio articolo, vuol dire che in fondo in fondo non sono così antipatico come le mie riflessioni su questo mondo dello svapo o forse si e allora siete dei masochisti….peggio per voi!!

Gli argomenti inerenti l’universo del vaping e che potrebbero dar spunto a numerose discussioni sono veramente infiniti, ma stavolta mi preme affrontarne uno in particolare. Un argomento che mi frulla in testa da così tanto tempo, che ho fatto veramente fatica a riordinare le idee per trovare un capo a tutte le riflessioni che affollavano la mia piccola testolina bacata, ossia:

La proprietà nell’uso del vapespeaking: ovvero come utilizzare correttamente il “vocabolario dello svapatore consapevole ”.

Parliamoci chiaro, non mi sto arrogando minimamente il diritto di salire su una cattedra per fare la lezione da professore, uno perché non mi si addice come ruolo (io a scuola stavo sempre dall’altra parte della barricata), due perchè non ne possiedo le competenze poichè ho ancora tanto, tantissimo da imparare.
Però c’è una cosa che so fare bene e su questo non mi sento di peccare di superbia: appropriarmi, nei tempi debiti, della terminologia corretta in funzione del contesto in cui questa è inserita…….traduzione: evito di parlare a cazzo!!

Cosa che invece spopola sui social, dove spesso accade che anche la terminologia basilare viene completamente ignorata, lasciando spazio a termini senza senso, fuori luogo e spesso fuori contesto. A tutto questo non aggiungo nemmeno lo stupro di gruppo della lingua italiana (tipo quando il congiuntivo diventa una congiuntivite) perché sarebbe come sparare sulla croce rossa.

Purtroppo ho il dovere di ripetermi (e potete stare certi che lo farò all’infinito!!!) nel dire che siamo oramai nel 2019 ed in possesso della tecnologia necessaria per avere qualsiasi tipo di informazione e contenuto, non solo per accedere a youporn (anche se io preferisco pornhub…de gustibus) o alle quotazioni delle scommesse. Siete così bravi a cancellare la cronologia del vostro browser, per evitare brutte sorprese col partner di turno, sapete aprire le schede per la navigazione anonima, per cercare le cose che è meglio che gli altri non sappiano, sapete stalkerare i vostri ex sui social (roba che manco l’FBI), eppure risulta così complicato per voi, geni nell’ arte dell’ incognito, entrare su Google e digitare: “dizionario dello svapo”, terminologia dello svapo” oppure anche “glossario dello svapo”!!!

Vi assicuro che se non vi smanacciaste per un giorno e dedicaste il tempo delle pugnette ad una sana ed attenta lettura dei risultati delle ricerche che vi ho elencato prima, guadagnereste una bella dose di cultura dello svapo e magari anche qualche diottria in più che potrebbe tornarvi utile in fase di rigenerazione.

Ogni volta che leggo certe domande o commenti sotto i post/video di coloro che, da professionisti, provano a svolgere il loro lavoro ed a dare il loro contributo, affinché il modo dello svapo abbia soluzioni per tutti, mi chiedo come facciano, loro, a non perdere la pazienza o il tempo per correggervi…..ma certo che scemo, finiremmo per avere videocorsi di Rai Nettuno sull’ uso corretto della lingua italiana e non più video/post sulle sigarette elettroniche; allora si che vi darei ragione per l’abuso dei siti porno.

The Dream of the Fisherman’s Wife – Katsushika Hokusai

Seghe a parte…. vorrei che capiste che per tutti coloro che lavorano nel mondo del vaping è svilente ed umiliante leggere cose come: “oh zio, miglior atom?”……”bella frate, mi consigli una sigaretta elettronica per fare nuvole ignoranti?”…….” ‘inchiabrò qual’è la box che riesce a fare 800millemila watt che devo fare concorrenza in piazza?”……”raga, una sigaretta elettronica normale buona?”…..Alcune di queste sono vere e altre ovviamente romanzate per strapparvi un sorriso, anche perché altrimenti ci sarebbe da piangere o bestemmiare fortissimo!!!

Ma esiste una frase in particolare, che più di ogni altra, mi fa sanguinare occhi e orecchie e montare la voglia di strappare la lingua a chi la pronuncia o le dita se il soggetto in questione sta scrivendo:

” OH, QUAL’E’ LA TUA SVAPO PREFERITA?”

Tralasciando il ribrezzo per la mancanza di educazione, cercherò di essere il più chiaro e diretto possibile, senza scadere nella volgarità dettata dal ribrezzo:
Queste, che vi piaccia o meno, NON SONO uno svapo o peggio ancora degli svapi:

Queste si chiamano comunemente sigarette elettroniche, più appropriatamente mod, accoppiate ad un atom diventano un PV (personal vaporizer), ma “svapo”….. NO!!! A-S-S-O-L-U-T-A-M-E-N-T-E NO!!!!!

CHIARO!!!

Ora, quando usate dei termini inappropriatamente, come quello descritto sopra, buttate al cesso tutto il lavoro di anni fatto in questo campo; vi faccio un breve elenco semplificando i passaggi: partendo dai medici che hanno condotto gli studi che ci stanno salvando la vita, passando per i modder, i builder, le società che operano nel settore e tutti coloro (youtubers, instagramers e via dicendo) che, con competenza e dedizione, hanno contribuito affinchè voi poteste avere il vostro “svapo” tra le mani.

Entrate nell’ ottica, miei cari sgrammaticati, che lo svapo (stavolta inteso come movimento culturale) non è il mondo per voi; mi spiego meglio: non è un mondo così semplice come voi potete pensare, proprio in virtù di quello che ho appena scritto tra parentesi. E’ in nome di quella cultura che vi invito a rendere onore a questo mondo, dandovi una svegliata e cercando di conoscere ed imparare il corretto linguaggio del vaping.

Vorrei potervi dire tante altre cose, alcune edulcorate altre no, ma la verità è che vi basterà inserire nella barra di ricerca del vostro motore preferito quello che state cercando e armarvi di pazienza per scegliere le risposte, barcamenandovi tra le mille risorse che avrete davanti ai vostri occhi e leggendo con ATTENZIONE, cercare di impadronirvi di quel linguaggio a voi sconosciuto. Se anche facendo questo non riusciste a capire, beh allora rivolgetevi ai professionisti….ma ricordatevi di farlo con educazione ed umiltà, altrimenti rischiate di sembrare solo dei babbi di minchia che si atteggiano! Se ancora troverete difficoltà a comprendere o ad esprimervi, beh…..

……..sappiate che anche il silenzio è una grande virtù,grandissima!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here