QUATTRO CHIACCHIERE CON: Massimiliano Begotti @ The Fog

Carissimi lettori del Vape In Italy Blog è con grande piacere che la qui presente Laura Dysagioh vi presenta la nuova rubrica della nostra piattaforma. Abbiamo deciso di arricchire il nostro spazio con interviste o anche quattro pure chiacchiere informali con aziende, produttori, negozianti e personalità del nostro variegato settore, per rendervi sempre più partecipi, darvi un pizzico di pettegolezzo e farvi conoscere chi si nasconde dietro il nome di un marchio.

Per dare il via a questa serie, ho deciso di cominciare con una personalità decisamente attiva del nostro mondo, Massimiliano Begotti, co-titolare del punto di riferimento degli SvapoStore bresciani per competenza e rifornimento, il THE FOG e braccio destro della famiglia Vaporart.

Nell’ufficio del suo negozio in Via Triumplina 321 a Brescia, abbiamo scambiato opinioni e considerazioni e ho avuto occasione di fargli qualche domanda per conoscerlo meglio.

RACCONTACI LA STORIA DEL TUO NEGOZIO, DA QUANTI ANNI SIETE APERTI?

Abbiamo aperto a novembre del 2016, in questi due anni abbiamo fatto una buona esperienza, ci siamo consolidati su Brescia, abbiamo aperto a Cremona e purtroppo abbiamo dovuto chiudere lo store di Bergamo. Tra un mese inaugureremo il nostro ultimo The Fog a Ghedi. Il progetto The Fog nasce principalmente per volontà di Matteo Musicco, il mio socio, che reputava questa zona di Brescia sfornita. Abbiamo unito la sua indiscussa capacità gestionale alla mia conoscenza del mondo dello svapo e questa è stata sicuramente la mossa vincente.

IN QUESTI ANNI COME HAI VISTO MUTARE IL SETTORE?

Il settore dello svapo è da 6/7 anni che fa parte della realtà italiana in pianta stabile, ed è stato sempre affiancato da varie problematiche riguardanti il sistema normativo, il nostro mercato ha dovuto sempre, volente o nolente, seguire l’andamento politico e si è dovuto adattare. Sicuramente era partito molto piano: esistevano solo semplici device da guancia e liquidi semplici. Dal 2015 il mercato si è ampliato complice l’avvento del tiro da polmone, in quel periodo sono arrivati sul mercato i primi liquidi densi americani e lo svapo è diventato un po’ modaiolo. Nei nostri store cerchiamo di fornire sempre il meglio che il mercato offre al consumatore.

DAL PUNTO DI VISTA DEL PUBBLICO INVECE, COME SI E’ MODIFICATO IL MERCATO NEL CORSO DEL TEMPO?

Ovviamente anch’esso ha seguito il corso burocratico/legislativo. Il 2018 è stato un anno abbastanza sofferto per TUTTI. Abbiamo visto una clientela in parte più scoraggiata all’acquisto, vedendosi aumentare i prezzi dei prodotti, c’è chi è tornato a fumare, altri hanno semplicemente modificato il proprio modo di svapare, preferendo il “fai da te”. All’inizio dell’anno abbiamo riscontrato una contrazione del mercato, ma da ottobre, complice la riduzione dell’imposta siamo riusciti a recuperare la fiducia dei clienti. Posso affermare che il mercato si è comunque orientato verso il tiro di guancia, anche grazie a sistemi a Pod sempre più semplici e performanti.

EMENDAMENTO E CLIENTELA, CI SONO STATE CONSEGUENZE?

Noi abbiamo assorbito fin da subito una buona parte della tassa, proponendo i prodotti ad un prezzo fisso. La clientela ha accolto in modo positivo l’abbassamento dell’imposta, la professionalità ha fatto il resto e di questo ringrazio i nostri dipendenti per l’impegno e la passione che ogni giorno mettono nella gestione dei punti vendita.

COME VEDI IL FUTURO DELLO SVAPO DOPO IL DECRETO LEGGE? SEI FIDUCIOSO?

Decisamente si, o non farei questo lavoro!

(Massimiliano è sempre stato una persona molto attiva nel cercare di positivizzare i meno fiduciosi in questo settore)

La positività è fondamentale. E non solo con i “colleghi” del settore ma soprattutto con la clientela. Il cliente che entra nel nostro negozio deve essere seguito attentamente, in particolar modo se è la sua prima esperienza in un negozio di sigarette elettroniche. Formiamo i nostri ragazzi in modo tale da capire perfettamente quali sono le esigenze del consumatore che deve uscire dal negozio sempre soddisfatto. Dall’inizio dello scorso anno sono usciti sul mercato davvero tanti ottimi kit entry level e pod mod che hanno permesso il distacco dalla sigaretta analogica in maniera efficace e quindi, si sa, quando il prodotto funziona, il cliente è contento e ritorna e noi puntiamo su questo.

COME SI EVOLVERA’ IL NOSTRO SETTORE SECONDO TE? LAVORANDO CON UN MARCHIO IMPORTANTE, SAI GIA’ QUALI NOVITA’ CI SARANNO?

Dopo la legge che è stata approvata, posso dire che vedo molto bene nel prossimo futuro il mercato dei 10ml e per assurdo, anche le pod precaricate. Questi strumenti essendo molto validi e semplici invogliano il consumatore ad avvicinarsi ai nostri prodotti. Il nostro settore, inoltre, va di pari passo con le nuove tecnologie, per esempio sono curioso di vedere come saranno impiegate le batterie sodio-silicio quando arriveranno disponibili nei nostri sistemi ed i nuovi sistemi ad ultrasuoni quando verranno ottimizzati per lo svapo.

RACCONTACI, QUAL E’ IL VOSTRO PRODOTTO DI PUNTA?

A sentimento ti dico, sicuramente i liquidi da 10ml. Come entry level la Justfog Q16 non si batte e il Berserker come atomizzatore è stato tra i più venduti. Per quanto riguarda i liquidi premium ti dico il The Cup, liquido più venduto dell’autunno, e lo Shinobi Revenge. Ovviamente, nel momento in cui subentra la novità c’è il picco di vendite di quel prodotto. Sono andati molto bene anche il Milkstard e il Liqorice Pudding.

UNA CURIOSITA’, COME VANNO I LIQUIDI DEGLI YOUTUBERS?

Ak 47, Mk Ultra e Sniper del Santone dello Svapo vanno sempre molto bene, sta andando ancora molto bene il Croccantissimo, che non riesce ad essere spodestato nelle vendite. Molto bene anche i liquidi di Danielino77.

HAI QUALCHE STORIA ASSURDA DA RACCONTARCI CHE TI E’ CAPITATA IN NEGOZIO?

Oddio…ne capitano veramente tante * ride * Sentir chiamare le resistenze “filetti” o “miccette”, i ragazzini che vogliono “LA SVAPO”, chi entra e chiede il “gusto nicotina”, la clientela è davvero VARIEGATA! Veramente ne capitano di cotte e di crude, in questo momento un aneddoto preciso non so sceglierlo!

COME VA IL SETTORE NELLO SPECIFICO QUI A BRESCIA E NEL SUO HINTERLAND?

La zona di Brescia va bene. Certo, non siamo ai livelli di affluenza del 2012/2013. A Brescia ci sono 16 negozi, quindi la realtà dello svapo si sta consolidando e più un prodotto gira, più incuriosisce e poi diventa valido.

Massimiliano e il suo socio, Matteo Musicco.

QUANDO AVETE APERTO THE FOG LAVORAVI GIA’CON VAPORART?

Si, ho iniziato a lavorare per Vaporart nel settembre 2016, poco prima dell’apertura del negozio, prima da collaboratore freelance e poco tempo dopo a tempo pieno.

COM’E’ NATA LA TUA ESPERIENZA CON VAPORART?

Di fatto nasce subito dopo l’acquisizione di Delixia e Valkiria. Devo ringraziare Vaporart che, oltre ad essere un’azienda lungimirante, ti lascia molta libertà di espressione. Lavorare in un ambiente giovane, dinamico e senza paletti è bellissimo. Ci hanno dato sempre pieno appoggio su tutto pur rimanendo nei giusti canoni di serietà e qualità che contraddistingue l’azienda. Quando nasce un’idea o un progetto la risposta non è mai NO ma PROVIAMOCI!

CHI ERA MASSIMILIANO BEGOTTI PRIMA E COME SI E’ AVVICINATO AL MONDO DELLO SVAPO?

* ride * Uh! Chi era Massimiliano Begotti prima? Nasco da una famiglia di lavandai e ho lavorato da quando avevo 15 anni nell’azienda di famiglia che io stesso ho chiuso nel 2002. Da li diventai agente di commercio sempre nello stesso settore. Ho smesso di fumare nel 2006 ma le sigarette elettroniche sono venute dopo. Mia moglie, che nel frattempo continuava a fumare, nel 2012 mi disse che voleva andare in farmacia a comprare una di queste sigarette elettroniche. Le sconsigliai l’acquisto in farmacia e inizia ad informarmi tramite i vari forum italiani fino a trovare il giusto prodotto per lei che a quel tempo era la Steam’s. Da quel momento mi sono appassionato anche io, ho aperto e chiuso il primo negozio nel 2013. A giugno dello stesso anno aprii il primo gruppo social che era “Svapatori Uniamoci!” che ha portato poi alla nascita di LIFE (Lega Italiana Fumo Elettronico) della quale sono stato portavoce fino alla fine del 2014…e da li…è iniziata questa meravigliosa avventura.

Ringrazio tutto lo Staff per lo spazio dedicatomi e vi auguro un buon lavoro dandovi appuntamento a tutti a maggio in occasione del Vapitaly!

Ebbene, ringrazio Massimiliano per la sua cordialità e disponibilità e mando un saluto anche a Matteo.

Abbiamo nominato Vaporart e Valkiria…avete già capito di cosa parleremo nella prossima recensione? 😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here