Vapitaly 2k19: C&C mods, quattro chiacchiere con Ruben Cattivelli

Oggi per la nostra rubrica di accompagnamento al Vapitaly 2k19 Modders Arena, parliamo con il fondatore di C&C Mods, Ruben Cattivelli; come sempre ti ringraziamo per il tempo che ci stai dedicando e partiamo subito!

  • Il tuo approccio al vaping, come è stato?

Mi sono avvicinato al vaping agli inizi del 2012 con l’intento di smettere di fumare, all’epoca si utilizzavano le 510 “sigaretta style” la batteria durava 20 tiri e gocciolavi il liquido nella lanetta ogni 10 tiri e il “low resistence” era 1,50 Ohm. Credo si capisca già da quanto ho scritto che per la mia parte Nerd è stato amore a primo tiro!

  • Da buon nerd quindi il passo da svapare a creare qualcosa di tuo è stato pressochè automatico! raccontaci del tuo brand

Sarebbe lunga da raccontare ma vedrò di essere sintetico. All’epoca, parlo di inizi 2013, le Mod (Bottom feeder) erano poche e realmente introvabili, così per sopperire alla mancanza di “materia prima” con l’aiuto di mio padre decisi di costruirne una mia.  La mod piacque ad amici e al titolare di un noto negozio di vaping (non faccio nomi tanto non necessita di pubblicità) e quasi senza che me ne accorgessi C&C Mods divenne una realtà a tutti gli effetti.

  • Quali sono le peculiarità dei tuoi prodotti che caratterizzano il tuo brand?

Sarebbe un po’ superbo fare un elenco, in fiera il complimento che mi viene fatto più spesso nonche quello che ancora oggi mi fa arrossire e quando mi dicono che la Mod è diventata tutt’uno con la mano, per me è sinonimo di aver fatto un buon lavoro in fase progettuale e realizzativo, per i miei clienti ormai è un tratto distintivo dei miei lavori. A parte questo per il mio background ho sempre amato i design caratterizzati da linee essenziali e pulite e nel tempo questo è diventato anche uno dei fattori di riconoscibilità delle mie Mod.

  • Meglio esplorare nuove soluzioni oppure preferisci seguire le esigenze dei tuoi clienti e del mercato?

Il mercato è un indicatore importante e non vi si può essere indifferenti ma continuo a preferire sperimentare, proporre le mie idee credo che sia la linfa vitale di questo lavoro indipendentemente che si tratti di materiali, scelte progettuali, Mod o accessori.

  • Il vaping Italiano nel mondo, come lo vedi? si parla sempre molto del high-end Made in Italy..

A mio parere il “Made in Italy” all’estero è ancora un buon biglietto da visita ma credo anche che la marcia in più del prodotto Italiano sia la reale inventiva abbinata a capacità artigianali di alto livello motivo per cui le produzioni italiane sono tanto ammirate e desiderate anche all’estero.

  • Il nostro settore vive dalla sua nascita di continue fluttuazioni,che gioco forza influenza anche il mercato delle mods, come vedi oggi l’high-end?

Vedo un mercato cresciuto, più consapevole e più attento. La clientela è più consapevole di cosa vuole e di cosa compra, è più attenta ai dettagli e alla storia del Brand.

  • Facci una tua previsione sul mercato futuro!

Non ho la sfera di cristallo e fare una previsione in un mondo così veloce non è semplice, ogni sistema ha le sue peculiarità perciò difficile che si sovrastino, io per primo utilizzo Bottom Feeder, Tank e Drip a rotazione. A livello Modding invece credo che sarà importante essere in grado di poter realizzare prodotti diversi sia per tipologia che per prezzo. In fondo non è legge che l’high end lo faccia il prezzo.

  • Tornando al Vapitaly 2k19, ci puoi dare qualche anticipazione su cosa porterai?

Per Vapitaly sto preparando una nuova serie di Tu(Be) sia in versione 18350 che con sleeve per 18650. Chiaramente non mancheranno le B sia in legno stabilizzato che in delrin ma c’è anche un progetto nuovo a cui sto lavorando a ritmi serratissimi ma è ancora quasi tutto Top Secret 😉

  • Finalmente i modder in un progetto centrale al Vapitaly, cosa ne pensi di questa bella iniziativa?

Vapitaly è un evento bello e importante a cui anche da visitatore non ho mai mancato. Sono entusiasta del fatto che quest’anno si sia potuta concretizzare la Modders Arena. Poi il gusto di “giocare” in casa è impagabile.

Ti ringraziamo per l’intervista e non vediamo l’ora di scoprire dal vivo tutte le tue novità e soprattutto il tuo progetto top secret!! Ci vediamo a Verona #ModdersArena

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here