RECENSIONE: Gen Kit by Vaporesso, quando la potenza non è solo per i Pro.

La potenza non è riservata ai pro.

Quando ho letto questa frase come motto per questa box, onestamente non capivo come trovarle un senso. Certo, la box eroga 220 W ma parliamoci chiaro: quante box ci sono che possono erogare tale potenza? Direi molte. Poi ho preso in mano la box, l’ho accesa e forse ho cominciato a capire…

PACKAGING

Il packaging che Vaporesso riserva alla sua box è un packaging elegante sul quale troviamo l’immagine della box con il suo atom (SKRR-S) e la scritta “Power isn’t for the pros”. Posteriormente oltre alle specifiche di box e atom, troviamo una descrizione della mod e l’elenco del contenuto:

  • 1 Gen mod
  • 1 coil a mesh QF da 0,2 ohm preinstallata
  • 1 tank in pyrex di ricambio
  • 1 cavo usb
  • 1 certificato di garanzia
  • 1 atom SKRR-S
  • 1 coil “a strip” da 0.15 ohm
  • 2 o-ring
  • 1 manuale utente

Solito scratch and check e il codice che indica la batch (il seriale). La confezione ha il necessario, non ho mai trovato Vaporesso carente in questo senso e la scritta sul fronte, diciamocelo, è da “sono meglio io” ma gasa e ci sta.

VOTO: 8

DESIGN E MATERIALI

“Cazzo che feels sta box” ho pensato in maniera molto pittoresca prendendola in mano. Finiture ottime, tasti perfetti e senza alcun rattle, display ben visibile e superficie gommata che sta davvero, davvero bene in mano senza scivolare e senza mai che si perda il grip. Le sue dimensioni fermano l’asticella del calibro su 14,6 mm di altezza (INCLUSO ATOM), 30 mm di spessore e 54 mm di larghezza.

Su uno dei lati minori abbiamo il tasto fire color rame, il display chiaro e ben visibile e i tre tasti di selezione: up, down e conferma. Ha tutto un sapore molto elegante e minimalista anche se forse avrei preferito che anche i tasti per la navigazione nel menù fossero color rame, in tinta con il tasto fire.

Non c’è molto da aggiungere nella descrizione di questa box se non che lo sportello del vano batterie si aggancia allo chassis con due magneti, aderendo in maniera precisa e senza alcuna esitazione al corpo della mod.

Per finire, nella parte superiore troviamo la tazza color rame (questa si, in tinta con il tasto di attivazione) con la possibilità di ospitare comodamente atom fino a 26 mm di diametro.

ATOM

Per l’atomizzatore in kit, vi consiglio di andare a leggervi la mia recensione sul SKRR tank che trovate qui. Non perchè non abbia voglia di raccontarvelo ma perchè entrambi usano le stesse coil e la stessa struttura costruttiva di conseguenza la loro resa è sovrapponibile (forse è per quello che questo si chiama ancora SKRR-S?).

Potete acquistarlo qui.

Ah, è solo un po’ più piccolo del fratello maggiore.

VOTO: 9.5

CIRCUITO

Arriva finalmente il momento di parlare di questo circuito che è forse la chiave di volta per comprendere la ragione per cui Vaporesso ha tanto fatto leva sul concetto “potenza – utente medio”.

Il chip utilizzato si chiama AXON, come indicato anche dall’engraving ben visibile sotto al coperchio del vano batteria. Partendo dalle modalità di funzionamento, troviamo:

  • Modalità pulsata (Pulse)
  • Power Eco
  • Smart TC
  • Modalità DIY (con sottomenù per TC, Bypass mode, TCR)
  • Sistem settings
  • Exit

Partendo dalla prima modalità, ovvero la Pulse Mode, Vaporesso ha introdotto con questo chip una modalità durante la quale l’erogazione non è continua bensì frutto di frequentissime micro attivazioni delle quali l’utente non si accorge nemmeno. In poche parole per chi svapa sarà come utilizzare qualsiasi altra box con la differenza che questa box stresserà le batterie in maniera decisamente inferiore rispetto alle altre box. La definirei la modalità main, quella più usata.

La modalità power eco corrisponde alla modalità “risparmio energetico” del vostro smartphone. Può essere attivata manualmente in qualsiasi momento mentre raggiunto il 40% della carica residua delle nostre celle, si attiverà in automatico (opzione modificabile sia per quanto riguarda la percentuale sia per quanto riguarda la sua disattivazione).

La modalità smart TC è fantastica: fondamentalmente quando avvitate l’atomizzatore, la box vi chiede se può scansionare la resistenza mandando tre micro impulsi. Una volta fatto, riconoscerà il materiale del filo resistivo (ovviamente se compatibile con la modalità controllo di temperatura) e vi suggerirà le impostazioni (sempre personalizzabili) migliori per quel dato materiale. SO FUCKING SMART.

Le altre modalità sono modalità già viste su altre box e il menù non presenta nulla di nuovo. Luminosità regolabile e display che mostra percentuale batteria, valore in ohm della resistenza, ampere e watt. L’incremento di watt è su base decimale.

VOTO: 10

CONCLUSIONI

Vaporesso con questa box, sgancia una bomba sul mercato dell’ultimo trimestre. Costruita in maniera davvero ottima, bella e con un cervello davvero intelligente, a mio parere si assesta tra le migliori box provate di recente. Il circuito è davvero un circuito che permette di fare cose da pro nonostante magari non si abbiano ancora ben chiari certi passaggi, sopratutto se parliamo di controllo di temperatura: questo non dev’essere un deterrente a non informarsi su ciò che si fa ma può dare una grossa mano a chi vuole avvicinarsi al controllo della temperatura e alle sue mille sfumature.

Per chi è? Davvero per tutti anche se, nonostante sia davvero leggera e stia molto bene in mano, il suo ingombro non è trascurabile.

VOTO FINALE: 9.5

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here