Old School: quando gli e-liquids uccidono.

Ho lasciato passasse qualche giorno prima di mettermi al pc e cominciare a scrivere questa recensione. Questo perchè quando Alessandro Visentini, youtuber de “Il mio Angolo dello Svapo” mi ha detto che mi avrebbe inviato il suo ultimo liquido in collaborazione con Royal Blend, mi ha parlato del primo liquido all’estratto di tabacco della storia del noto marchio.

Mi sono dato tempo, dopo averlo preparato (si perchè va diluito in base neutra) per capire come cambiasse il liquido nel corso del tempo e diciamocelo, con liquidi così si muore, ma solo di goduria.

PACKAGING:

La chubby bottle si trova all’interno di una scatola dai colori che rievocano il vecchio west (marrone e giallo), così come il font con cui “Old School” viene scritto in verticale. Nella parte superiore troviamo il marchio del produttore, inferiormente la dicitura “aroma concentrato 15 ml” mentre su entrambi i lati il logo de “Il mio Angolo dello Svapo” accompagnato dalla scritta che ricorda che il liquido nasce proprio da questa collaborazione. Dietro la composizione, sotto la data di imbottigliamento e la scadenza. L’etichetta sulla boccetta, una volta estratta, riporta le stesse informazioni, gli stessi colori e lo stesso font.

VOTO: 7.5

IL LIQUIDO:

Il liquido viene venduto come un mix di tabacchi estratti per pressatura con l’aggiunta di miele. Una volta aperta la boccetta e diluito (personalmente l’ho portato a 90 ml ottenendo una diluizione sotto al 9%) sarà chiara la presenza del miele: note dolci, non nauseanti, alle quali mette un freno quella presenza severa che annusando il liquido viene percepita solo in sottofondo; E’ proprio il tabacco a mettere freno al miele ed è un bene vista l’enorme facilità con cui troppo spesso il miele copre gli altri odori.

Per svapare questo liquido ho provato diverse configurazioni, sia nel Dvarw che nel Millenium di TVGC: coil alta per ridurre l’hit, coil bassa per accentuarlo, spire separate e filo semplice, nanoalien, diametro da 2 mm e poi da 2,5 per passare ancora a 2. Ho provato anche diversi tipi di cotone ma ho trovato la quadra usando il Millenium con jet bell, coil in Khantal A1 28 ga su punta da 2 mm di diametro e cotone muji. Potenza erogata: 22 Watt su valore resistivo di 1.16 ohm (circa).

Svapato immediatamente dopo la preparazione, il Miele era preponderante anche se non in maniera esclusiva. Ciò è buono perchè se già così giovane il tabacco tiene a bada il miele, significa che è stato fatto un ottimo lavoro sul bilanciamento. Dopo una settimana l’equilibrio è assoluto: seppur la parte dolce si percepisca con chiarezza espirando, appena terminato di esalare il vapore in bocca rimane il sentore di tabacco. Purtroppo non viene dichiarato quali siano i tabacchi usati per questo liquido ma se devo tirare a indovinare, ho la netta sensazione che la base tabaccosa sia costruita su un tabacchi american blend, probabilmente Cavendish (prodotto utilizzando le varietà Virginia e Burley).

CONCLUSIONI:

Questo liquido è coerente con quanto dichiarato dal produttore: il miele si sposa molto bene con i tabacchi, senza tuttavia soffocarli e senza che la percezione che si ha svapandolo sia unicamente una percezione dolciastra. E’ sempre impegnativo lavorare liquidi con il miele poichè come il mentolato o il cioccolato, è una componente che tende ad avere la meglio sulle altre; Royal Blend riesce bene in questo ed è proprio per questo che a loro e a “Il Mio Angolo dello Svapo” va il mio plauso anche se con una piccola riserva: chi come me è un feticista dei tabacchi, si perde nella goduria di sapere quali qualità di tabacchi vengono utilizzati per un determinato liquido, così da poter scegliere in maniera più mirata il setup corretto (parlando ovviamente di MTL). Speriamo che con i prossimi liquidi (perchè mi auguro che sia il primo di una lunga serie) la ricetta segreta venga svelata.

VOTO: 8

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here